Home

Memorizzazione e Trasmissione elettronica dei corrispettivi”

E-mail Stampa PDF

In riferimento alle ulteriori novità introdotte per l' entrata in vigore della disciplina riguardante la “Memorizzazione e Trasmissione elettronica dei corrispettivi”, si precisa che le novità emergono dalla pubblicazione della Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 15/E del 29.06.2019 (allegata), pubblicata in seguito alle modifiche apportate dalla Legge di conversione n. 58 del 28 giugno 2019 al D.L. n.34 del 30 aprile 2019 (c.d. D.L. Crescita) recante “Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi”.

Si informa, alresì, che in data 4 luglio 2019, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato un Provvedimento Direttoriale n. 236086 (allegato) contenente ulteriori chiarimenti in ambito di memorizzazione e trasmissione telematica dei dati corrispettivi ed, in particolare, sulle modalità d’invio per i Soggetti obbligati dal 1° luglio scorso che non hanno ancora provveduto all’installazione del nuovo dispositivo.

Sia la norma che la circolare esplicativa avevano infatti chiarito che anche per questi contribuenti permanesse, fin dal primo semestre, l’obbligo di trasmissione telematica entro il termine del mese successivo all’effettuazione dell’operazione Circolare Ufficio Tributario Confesercenti Nazionale.

Le opzioni messe a disposizione dall’ Agenzia delle Entrate sono due:

 la web application presente nella sezione “Fatture e corrispettivi” del sito dell’Agenzia

  1. il web service in cooperazione applicativa fruibile attraverso protocollo HTTPS. 
  • Nella pratica, il Soggetto obbligato non dotato di dispositivo potrà continuare ad emettere scontrino o ricevuta fiscale compilando contestualmente il registro dei corrispettivi fino al giorno d’installazione del nuovo registratore; al termine del mese di riferimento quest’Ultimo dovrà utilizzare una delle suddette opzioni per l’invio telematico in autonomia oppure incaricando il proprio intermediario per il corretto espletamento dell’adempimento (nel caso contrario sarà applicabile il regime sanzionatorio previsto dalla norma).

 In allegato circolari esplicative 

 

Iscriviti alla nostra Newsletter









Ultime Notizie

Più Lette

Video