Esclusione operatori Spettacolo viaggiante dal Fondo Unico Spettacolo e dalle agevolazioni IVA e occupazione suolo

Stampa
 
 
  
Esclusione degli operatori dello Spettacolo Viaggiante dal Fondo Unico dello Spettacolo e agevolazioni IVA e occupazione suolo. 
Lo scorso 12 dicembre, il Consiglio dei ministri, accanto al Decreto-legge 14 dicembre 2018, n. 135, recante “Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione”, in questi giorni convertito in legge, , ha approvato un disegno di legge di delega al Governo per le semplificazioni, i riassetti normativi e le codificazioni di settore riguardante in modo particolare gli spettacoli Viaggianti.
L’esclusione dello spettacolo viaggiante dal novero delle attività disciplinate dal Testo Unico dello spettacolo spinge a pensare che il settore rischi di perdere alcuni altri benefici considerati fondamentali per l’esistenza della categoria, fra i quali l’IVA agevolata, le agevolazioni sul consumo di energia elettrica, considerata di “uso industriale”, le riduzioni sulla tariffa relativa all’occupazione del suolo pubblico.
in allegato la lettera trasmessa al Ministro Bonisoli , al Vice premier Matteo Salvini 
Allegati:
Scarica questo file (Lettera Ministro Bonisoli.pdf)Lettera Ministro Bonisoli.pdf[ ]169 Kb