Home

Prezzi: Istat, inflazione accelera al 1,4% a giugno

E-mail Stampa PDF

Balzo del carrello della spesa, +2,6%. Trasporti più cari a giugno, +19,7% per aerei

Il tasso di inflazione accelera all’1,4% a giugno dall’1% di maggio, nei dati Istat provvisori, e sale soprattutto per gli acquisti quotidiani dei consumatori. L’indice dei prezzi al consumo registra un aumento dello 0,3% su base mensile e dell’1,4% su base annua, tornando sui livelli di maggio 2017.

A trainare, spiega l’Istat, “sono di nuovo i prodotti ad alta frequenza d’acquisto, che registrano un aumento dei prezzi su base annua più che doppio di quello generale” (+2,9%). Pesano i prezzi dei beni energetici non regolamentati (+9,4%).  Incidono inoltre sull’accelerazione dell’inflazione i prezzi dei beni alimentari sia lavorati (da +1,7% a +2,4%) sia non lavorati (da +2,4% di maggio a +3,4%) e i prezzi dei servizi relativi ai trasporti (da +1,7% a +2,9%)”.

“L’inflazione di fondo, al netto degli energetici e degli alimentari freschi – aggiunge l’Istituto – e quella al netto dei soli beni energetici si attestano rispettivamente a +0,9% e a +1,2%, entrambe in
accelerazione rispetto al +0,8% di maggio. Mentre l’inflazione acquisita per il 2018 è pari a +1,1% per l’indice generale e a +0,8% per la componente di fondo. L’aumento congiunturale dell’indice generale dei prezzi al consumo è dovuto ai rialzi dei prezzi di diverse tipologie di prodotto, tra cui spiccano quelli dei Beni energetici non regolamentati (+2,3%), dei Servizi relativi ai trasporti (+2,2%) e dei beni alimentari lavorati (+0,8%). Si registrano cali congiunturali nei Servizi relativi alle comunicazioni (-1,4%) e di beni alimentari non lavorati (-0,9%). L’inflazione accelera sia per i beni (da +1,0% registrato nel mese precedente a +1,7%) sia, in misura più lieve, per i servizi (da +0,9% a +1,0%); il differenziale inflazionistico tra servizi e beni rimane negativo ma di ampiezza più marcata rispetto a maggio (da -0,1 punti percentuali a -0,7 punti percentuali). I prezzi dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto salgono dello 0,4% in termini congiunturali e del 2,9% in termini
tendenziali (da +2,0% del mese precedente)”.

“Sono in forte aumento a giugno i  prezzi del cosiddetto carrello della spesa – conclude l’Istat – con i beni alimentari, per la cura della casa e della persona. Nei dati provvisori si registra una crescita dello 0,2% su base mensile e del 2,6% su base annua (da +1,7% registrato a maggio).  I prezzi dei trasporti, in tensione dall’inizio dell’anno, rincarano ancora di più nel primo mese d’estate sulla spinta dei biglietti aerei. I dati provvisori dell’Istat mostrano, a giugno, per il trasporto aereo passeggeri aumenti dei prezzi del +17,1% rispetto al mese precedente e +19,7% su base annua, con “una chiara accelerazione dal +13% di maggio. Per i servizi di trasporto in generale trasporti l’aumento dei prezzi è del 2,2% rispetto al mese precedente e del 2,9% su base annua (a maggio era +1,7%)”.
 

Iscriviti alla nostra Newsletter









Ultime Notizie

Più Lette

Video