Home

Conti pubblici, Padoan: “Entità manovra chiesta da Ue non cambia”

E-mail Stampa PDF

 Il ministro dell’Economia a Bruxelles per la riunione dell’Eurogruppo

“L’aggiustamento è strutturale e quindi anche eventuali miglioramenti delle stime, che si possono peraltro prevedere, non hanno impatto sull’aggiustamento strutturale”. E’ quanto ha detto il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan, che oggi ha partecipato alla riunione dell’Eurogruppo, a chi gli chiedeva se l’entità della manovra chiesta della Ue ( di 3,4 miliardi) possa cambiare. Il ministro, rispondendo a chi gli chiedeva se ci si può aspettare nuovi dettagli entro mercoledí, ha affermato “non credo, tutte le informazioni sono state già anticipate nelle winter forecast in cui, nella scheda italiana, si prende atto dell’impegno del Governo a fare un aggiustamento. Quindi mi aspetto che questo sia il messaggio”.

“Tutto è possibile, non c’è ancora nulla di definito. Ma di certo non ci sarà l’aumento delle accise sulla benzina”: così una fonte di governo descrive lo ‘stato dell’arte’ sugli interventi che l’esecutivo sta studiando per recuperare i famosi 3,4 miliardi che Bruxelles chiede a Roma di mettere ulteriormente sul piatto per salvaguardare l’equilibrio dei conti. Un equilibrio che da oggi il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan è andato ad assicurare ai partner Ue durante la riunione dell’Eurogruppo. Mercoledì invece, arriverà l’atteso rapporto sul debito e il ‘rapporto paese’, che tornerà a puntare il dito, tra l’altro, sui problemi delle banche e sul ritardo di competitività. Noto è però che, al netto di quello che succederà a Bruxelles tra oggi e mercoledì, i tempi dell’intervento italiano potrebbero dilatarsi rispetto alle richieste dei commissari Ue ed arrivare a ridosso della presentazione del prossimo Documento di Economia e Finanza. Il rischio è altrettanto noto: l’Italia potrebbe incappare nella ‘censura’ Ue ed essere sottoposta a procedura di infrazione. Il tutto con un aggravio notevole di costi soprattutto sul fronte dei tassi.

 

Iscriviti alla nostra Newsletter









Ultime Notizie

Più Lette

Video